La Scuola Polo Liceale GUARINO VERONESE

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


UN PONTE DI PAROLE

ARCHIVIO > 2010 2011

Un ponte di parole


A un passo da te…………
Le parole,strumento e veicolo indispensabile per comunicare pensieri ed emozioni,per esprimere e condividere idee,per arricchire di contenuti il proprio bagaglio culturale.
Sono loro che mancano , quando improvvisamente il nostro codice di sempre diventa estraneo,incomprensibile a chi ci vive accanto.
Non ci si può sentire compresi ,se non si ha la certezza di essere “ascoltati”,non si può comprendere ,se visi ,occhi e mani non bastano a spiegare.
E non può esserci integrazione,se non c’è comprensione.E’ solo attraverso la conoscenza reciproca, ,infatti,che è possibile sentirsi parte di uno stesso “mondo”, anche se fatto di differenze che però diventano arricchimento per ciascuno; un mondo in cui tutti possano sentirsi protagonisti e non solo “ospiti”.
La prima esigenza è quindi il ricorso ad un codice linguistico comune e ,dunque, per i ragazzi “stranieri” quella di imparare la lingua italiana;una volta superato questo scoglio però è necessario anche che il nuovo codice linguistico,le parole appunto ,fungano da ponte su cui incontrarsi a metà strada,ma anche su cui passare in entrambe le direzioni.
E’ così che avviene davvero libero”scambio” di bisogni,aspettative,ansie,paure,ma anche di speranze e gioie,di progetti e sogni.
Nelle pagine che seguono ,alcuni dei ragazzi “stranieri”del nostro istituto,fra quelli che – perché nati in Italia o perché ormai qui da tempo - hanno buona padronanza dell’italiano ,raccontano in brevi composizioni le loro storie,mettendo in evidenza le tappe e le difficoltà di un percorso di cambiamento e “trasformazione”,per forza di cose, sconosciuto e nuovo per chi non ha avuto mai motivo o necessità di spostarsi dal proprio luogo d’origine,dove la propria famiglia ha le sue radici da tempo o da sempre.
La diversa reazione alla decisione dei genitori di partire per un Paese sconosciuto,l’approccio differente con il nuovo ambiente,la diversa disponibilità a nuove,forse migliori, ma ancora estranee e comunque” faticose” opportunità, lasciano emergere e delineano identità ben distinte tra loro ,
sebbene condividano tutte l’esperienza del “viaggio” e del bisogno di trovare una linea di continuità tra due lingue e due culture.


Ho messo il cuore in valigia……….


( clicca sulle immagini per conoscere la storia)
Ksenia

Alexandra

Sara

Emmanuel

Lorena

Mirela

Biljana

H O M E P A G E | PRESIDE & SEGRETERIA | DOCENTI | GENITORI & STUDENTI | INFORMAZIONI | ARCHIVIO | AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE | Albo pretorio | ARTICOLI DI GIORNALE | RICONOSCIMENTI | ECCELLENZE | BIBLIOTECA | GIORNALINO D'ISTITUTO | IL FRANCESE AL GUARINO | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu